Torna alla prima pagina
Interviste

Perché i politici non si vaccinano?

Sono tra i più decisi sostenitori del vaccino ma quasi nessuno dei principali leader di partito si è ancora vaccinato. Perché?

Niccolò Morelli
Politica Interna · 18 luglio 2021 · 2 min di lettura

Con la campagna vaccinale che ormai procede stabile, anche se con qualche intoppo indesiderato, la gran parte dei cittadini italiani è ormai vaccinata almeno con una dose. Curioso che, tra questi, non ci sia nemmeno uno dei leader di partito che sin dall’inizio della campagna vaccinale di gennaio non hanno fatto altro che consigliare di andarsi a vaccinare, salvo poi scordarsi di farlo loro stessi, o quantomeno di immortalarlo. Abituati come siamo a questo grande fratello mediatico in cui qualsiasi azione compiuta dal leader di turno viene immediatamente condivisa su tutte le piattaforme social esistenti, spicca, e non poco, la totale assenza sulle pagine social dei leader di maggioranza e opposizione di foto che immortalano il momento della vaccinazione.

È curioso anche che, difronte alla possibilità di emulare l’esempio francese con un greenpass obbligatorio praticamente per qualsiasi cosa, ad insorgere siano quei politici che pochi anni fa dalle loro pagine social incensavano i vaccini come soluzione necessaria e obbligatoria.

Ad esempio, nel 2018 Giorgia Meloni diceva che “i vaccini sono una delle conquiste più importanti e non bisogna diffondere notizie false o alimentare paure”. “Lasciamo stabilire a chi ha competenze quali siano i vaccini necessari e obbligatori”. Oggi, invece, il cambio di prospettiva: “Il Governo si dia una calmata, non siamo un regime totalitario. La nostra Costituzione non contempla l’obbligo vaccinale!”. La strategia politica dietro a queste dichiarazioni è evidente. Cercare di non scontentare la fetta dell’elettorato no-vax e allo stesso tempo non allarmare la controparte pro-vax, rimanendo in un limbo in cui non si prende nessuna posizione ma si galleggia a metà cercando di non scontentare nessuno.

Anche Matteo Salvini ha sempre giocato sulla stessa ambiguità, ovvero non dire mai di essere contrario ai vaccini, mossa che gli costerebbe parte degli elettori, lasciando però intendere che questo vaccino l’accetta con rassegnazione, in un ruolo insolitamente passivo. “Farò quello che mi dice il mio medico”, ha sempre risposto laconicamente a chi gli chiedeva se li avrebbe fatti. Oppure: “Non mi vedrete mai inseguire la gente con le siringhe!”, come se ci fosse chi lo fa, per giunta.

Sarebbe però scorretto fingere che questa sorta di pudore dei politici nei confronti del tema “vaccino” sia un problema circoscritto a Meloni e Salvini. Tutti i politici o quasi sanno che prendere posizioni nette sull’importanza di vaccinarsi brucia una percentuale consistente dell’elettorato e quindi la maggior parte dei politici a destra e a sinistra ha scelto la via dell’assenso senza fare troppo rumore. Senza eccessiva esposizione.

Purtroppo per i politici la foto-vaccino è da evitare assolutamente. Dovendo scegliere tra ciò che è più utile a loro stessi in termini di comunicazione (evitare la furia no-vax e la possibile emorragia di voti) e quello che può essere più utile per il Paese (fare da testimonial alla campagna vaccinale), scelgono la prima. E questo atteggiamento è confermato dal fatto che Draghi e Mattarella, che di voti non ne devono prendere, si sono fatti entrambi la foto mentre si vaccinano.

Perché i numeri dei contagi contano, ma quelli dei sondaggi un po’ di più.

Unisciti alla nostra newsletter

Ricevi in anteprima aggiornamenti ed analisi esclusive dallo staff di PoliticaLab.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

L'Italia sul tetto d'Europa: la settimana in Parlamento

Intanto è bagarre su ddl Zan e Green Pass “alla francese”

Monitoraggio Parlamentare
16 luglio 2021 · 3 min di lettura

Controriforma Cartabia. L'Italia torna a essere "Prescrittopoli" ?

Dopo lo stop alla prescrizione voluta dal primo governo Conte, con un colpo di spugna il Cdm vara una controriforma che di fatto la reintroduce

Politica Interna
13 luglio 2021 · 2 min di lettura
PoliticaLab utilizza cookies 🍪. Per saperne di più, consulta la  Privacy Policy.
© 2021 PoliticaLab. Chi Siamo. Privacy Policy. Contatti: email ti.balacitilop@ofni, telefono 3438969570.
Collegamento a $https://instagram.com/politicalab_itCollegamento a $https://twitter.com/PoliticaLab_itCollegamento a $https://www.linkedin.com/company/politicalab/